Benvenuto nella umile dimora di Giacomo Bucciantini

Consulente SEO a Firenze

Mi Chiamo Giacomo Bucciantini e sono un Consulente SEO che opera su Firenze.
Ci tengo subito a precisare che non sono il miglior SEO a Firenze. Però mi piace questo lavoro, lo faccio con passione, studio, mi aggiorno in continuazione e cerco sempre offrire il meglio ai miei clienti.

Nasco come Google Ads (ex adwords) specialist, con verticalizzazione rete Search, e grazie a ciò ho avuto modo di approfondire diversi aspetti della SEM e del monitoraggio web.  Da li ad applicarsi sulla SEO il passo è stato breve.

Obiettivi della SEO

Mi piace ragionare per obiettivi e il mio obiettivo, con questo, sito, è di creare un contenuto semplice, efficace, che mi serva per creare una mia vetrina e un mio portfolio.

Ciò che vale per me non è detto che valga per i miei clienti, pertanto è fondamentale condurre un assessment dello stato di digitalizzazione dell'azienda che decide di affacciarsi al web per valutare se sia opportuno o meno intraprendere un percorso SEO, che come è ben noto a chi ne ha già avuto esperienza, può essere molto oneroso e dai risultati incerti.

Cosa è la SEO

Mi piacerebbe tanto rispondere a questa domanda in poche righe, ma credo che l'argomento sia stato ampiamente trattato da fonti ben più autorevoli di me, pertanto la risposta migliore a questa domanda è un link ad alcune delle risorse più autorevoli del settore:

Search Engine Journal

MOZ

Perché vuoi includere un progetto SEO nella tua Strategia Digital

Un progetto digital non può prescindere da un progetto SEO, questo perché nel momento in cui si investe in pubblicità, in visibilità, in contatti, in generale in tutto quello che può essere un modo per ottenere traffico, bisogna poter essere facilmente trovabili sui motori di ricerca.
È ampiamente dimostrato che nel corso degli ultimi anni il processo di acquisto è preceduto da numerosi touchpoint di ricerca di informazioni e alla luce di ciò essere trovati per il proprio prodotto su Google è fondamentale.
Questo risultato si può ottenere in due modi:

  1. Si può fare le campagne di advertising a pagamento sulla rete search tramite Google ADS, che è la piattaforma pubblicitaria di Google,oppure,
  2. Tramite l’indicizzazione organica dei risultati di ricerca, ovvero lavorare sulla SEO.

Per ottenere un’indicizzazione organica nella maggior parte dei casi è fondamentale scrivere dei contenuti di qualità inerenti i servizi per i quali ci si vuole posizionare e che siano contenuti utili per gli utenti.
La SEO, “search engine optimization” altro non è che un’insieme di pratiche, basate su ciò che si è potuto osservare nel corso di anni, tramite cui creare dei contenuti che rispondano al meglio ai criteri di valutazione di Google. Ciò che Google cerca di fare in fin dei conti con i suoi algoritmi è di simulare la lettura dei contenuti presenti sulla pagina al fine di individuare se sono interessanti o meno.
Per fare ciò si basa su oltre 200 segnali e si ritiene che fra i più importanti vi siano (non necessariamente in quest’ordine):

  1. Autorevolezza
  2. Tempo di caricamento della pagina
  3. Qualità dei contenuti

Il punto 1, forse il più importante, è un lavoro che richiede anni e non è facilmente ottenibile, mentre invece gli altri punti sono più accessibili, basta fare le cose per bene.

C’è stato un tempo d’oro (mi dicono, io ero troppo giovane) in cui per essere su Google bastava avere un sito, e in effetti siamo arrivati a un punto in cui ormai tutti i settori sono saturi di aziende.

ll grosso del lavoro SEO in un contesto saturo è di cercare di offrire un servizio migliore degli altri, il che vuol dire che per farla non basta mettere gli H1 e gli H2 e scrivere le keyword ma che bisogna investire risorse ed essere molto pazienti, nonché accettare il rischio che il progetto non porti i risultati attesi.
Quindi, come si fa ad abbattere questa competizione? Semplicemente lavorando meglio. Infatti una parte molto importante di un progetto Seo è l'audit del settore e dei competitor per individuare quali sono le accortezze che non hanno adottato e fornire un piano di implementazione che ne tenga in considerazione.

Ci sono tanti settori in cui questo lavoro può essere immenso, così come tanti altri in cui è proprio inaccessibile salvo investimenti straordinari, che difficilmente ne valgono la pena. I settori realmente inaccessibili generalmente sono i B2C con un largo bacino di utenza, in quanto fra aziende leader di settore, comparatori di offerta e i vari ecommerce settoriali, è difficile riuscire a penetrare quei mercati.

Ci sono tuttavia tanti settori in cui questo lavoro sarebbe semplicissimo:

La SEO per il B2B

Sopratutto nel B2B (salvo i settori finanziari, assicurativo, ecc..) le aziende che investono in questo campo sono veramente poche, e quelle che sono leader sui motori di ricerca molto spesso lo sono casualmente. Da non sottovalutare è l’impatto della lingua italiana sul progetto, in quanto molto spesso succede di individuare delle nicchie non competitive che invece in altre lingue risultano inaccessibili.
Sul territorio fiorentino per quello che ho potuto constatare non sono tante le aziende che hanno investito in modo strutturato sulla SEO, ed è proprio da qui che deriva la grande opportunità di lavorare sulla Seo a Firenze.
Se si lavora sulla search engine optimization a Firenze sono buone le probabilità che facendo le cose giuste nel modo giusto si riesca a ottenere dei risultati molto rapidamente. Ovviamente questa congettura va contestualizzata e verificata di settore in settore, ma contrariamente a quanto si pensi della SEO, un po’ per le negligenze di terzi (che vedo ripetersi comunemente) e un po’ per esperienza mi sento di essere ottimista.

Parlo di ottimismo non a caso, ma perché purtroppo questo mercato ha subito nel corso degli anni delle pratiche di commercializzazione aggressiva che hanno portato a un peggioramento globale del servizio di Search Engine Optimization. Quello che molto spesso succedeva, e tuttora talvolta succede, è che venissero presentati preventivi basati sul numero di keyword indicizzate e non su un’idea di progetto di posizionamento.
Indicizzare una keyword è facilissimo, ne prendi una che non cerca nessuno, ottimizzi i testi per quella parola e automaticamente per quella parola sarai primo.
Sembra una presa di giro ma è ciò che è successo per anni e che ancora succede.

La SEO non è posizionare le keyword. La SEO è interpretare gli intenti di ricerca degli utenti, fornire contenuti validi, strutturare un piano editoriale in modo tale da creare un posizionamento globale intorno ad un argomento con l'obiettivo di essere il miglior risultato di ricerca.
Alla fine, se tutti e 200 i segnali che contribuiscono all’indicizzazione sono mediamente positivi, forse il sito si posiziona per la keyword.

La SEO è far si che gli utenti trovino il sito del cliente, il che comporta come requisito necessario che quelle keyword per cui si cerca di ottenere il posizionamento siano effettivamente ricercate.
Se le keyword non vengono cercate è inutile posizionarci il sito perché non genererebbero traffico. Se non si genera traffico è difficile che il progetto SEO possa avere un ritorno sull’investimento.
In fin dei conti non dimentichiamoci che la SEO bene o male è una pratica pubblicitaria, e quindi di fronte a una spesa è necessario che ci sia un ritorno sull’investimento; Che sia in termini di immagine o di fatturato, un ritorno ci deve essere.

Requisiti di un progetto SEO: Perché la SEO non è per tutti

La Search Engine Optimization è sempre più difficile per molteplici motivi, primo fra tutti l'aumento esponenziale di competizione che ha registrato negli ultimi anni, da quando il termine SEO è stato sdoganato nei consigli di amministrazione delle piccole e medie imprese (a quanto pare solo li, a giudicare dai siti di tanti big).
Intraprendere un percorso SEO comporta diversi accorgimenti:

Primo fra tutti che il sito dell'azienda deve avere dei requisiti qualitativi; si possono migliorare alcuni aspetti ma il progetto SEO non può e non deve essere un progetto di restyling, in tal caso tanto vale rifarlo.

Quanto dura un progetto SEO

Domanda sbagliata, un progetto SEO non ha una fine.
La durata minima in assoluto è di 6 mesi, da considerare come un test, dopodichè se i risultati positivi non c'è un reale motivo per concluderlo, ci saranno sempre nuove attività da intraprendere, nuove nicchie da esplorare e nuovi contenuti da scrivere ed ottimizzare.

Quanto costa un progetto SEO

Come già accennato, la SEO non è una passeggiata. I risultati possono essere esorbitanti, così come i ricavi che può generare, tuttavia a seconda del settore e della competizione non vanno assolutamente sottovalutate le seguenti voci di spesa, senza con tare che le risorse messe a disposizione devono essere sufficienti a coprire almeno 2 anni di progetto, il che vuol dire:

    1. Costi di consulenza;
    2. Costi di Copywriting professionale, da minimo 80€ ad articolo;
    3. Eventuali costi di manutenzione tecnica;
    4. Costi di strumenti SEO;
    5. Costi per instaurare relazioni online;
    6. Eventuali costi di advertising per testare le nicchie prima di avviare il progetto.

Chiaramente, guardando la lista appena elencata è facile capire per quale motivo un progetto SEO non sia accessibile a chiunque.

Parliamoci chiaro, un progetto SEO dignitoso costa almeno 10.000€ all'anno.

A cosa serve una Consulenza SEO

Un progetto SEO passa inevitabilmente per uno studio dell'infrastruttura del sito del cliente.
La prima tappa sicuramente è analizzare le fonti di traffico organico, organizzare un report per individuare le principali falle nella struttura del sito e proporre un piano di intervento.

Questa fase si chiama "Audit SEO" e coinvolge il SEO e il Webmaster.
Successivamente vengono definiti gli obiettivi del progetto e insieme ai responsabili marketing interni all'azienda si delinea una strategia per raggiungerli.

Al termine dell'assessment si produce un piano di interventi, si definiscono i KPI del progetto, gli obiettivi ed una timeline entro cui cercare di rispettarli.

Costo di una Consulenza SEO a Firenze

Premesso che siamo nel libero mercato e ogni professionista ed agenzia applica i propri prezzi, generalmente i prezzi degli audit seo variano dalle poche centinaia di euro ad anche alle migliaia, dipende dalle dimensioni del progetto e dal portafoglio dell'azienda. Generalmente un prezzo ragionevole per un audit seo di un sito di medie dimensioni (<100 pagine) si aggira intorno ai 500/1000€.

Cosa fa un Consulente SEO

Un consulente SEO ha pochi compiti:

  1. Analizzare il sito e individuare le principali cause di mancate prestazioni;
  2. Individuare gli interventi per rendere ottimali le prestazioni del sito;
  3. Individuare le priorità degli interventi;
  4. Studiare un piano di ottimizzazione dei contenuti già esistenti;
  5. Studiare il settore ed individuare il piano di contenuti con cui creare una strategia di content marketing;
  6. Individuare i competitor e analizzare come si muove quel settore sul web;
  7. Individuare potenziali partner di progetto e esponenti di nicchia per avviare una collaborazione e gettare le basi per una futura attività di link building.
  8. Monitorare, implementare, testare. Lo specialista seo deve monitorare costantemente il progetto per prevenire eventuali diminuzioni di traffico e qualora dovessero avvenire, provvedere tempestivamente.

Perché rivolgersi ad un Esperto SEO?

Un esperto SEO è in grado di individuare i problemi del vostro sito in pochi minuti, e se son presenti criticità evidenti avrà pronto un piano di implementazioni principali immediatamente.

Conviene sempre affidarsi ad un esperto per questo genere di situazioni perché vi consente di risparmiare tempo che altrimenti potrebbe essere usato per creare contenuti o cercare di ottimizzare le pagine che si vuole posizionare.
A volte, purtroppo, bastano piccole distrazioni perché il sito possa non essere indicizzabile, ad esempio un (robots.txt compilato male) oppure delle pagine orfane, oppure un sito troppo grosso del quale non si è creata la sitemap, ecc... Un esperto seo è quel consulente che può individuare questi errori e porvi rimedio immediatamente, e una volta fatto un audit produce un piano di ottimizzazioni da implementare nei mesi successivi.
Tra parentesi, se cercate un esperto seo a Firenze vi sarà sufficiente cercare su google e probabilmente tra quelli che si trovano nelle prime 2 pagine troverete chi fa per voi. 🙂

Come è strutturato un Audit SEO

Ogni audit è composto da più fasi, la prima è definire la checklist degli elementi da controllare.
Una volta definita la checklist si passa ad analizzare tutti gli aspetti che riguardano un progetto SEO, ovvero:

  1. Stato di indicizzazione generale del sito;
  2. Analisi del profilo link della proprietà web;
  3. Analisi tecnica del sito e dei tempi di risposta del server;
  4. Analisi della SEO on page e degli elementi che potrebbero ostruire la navigazione utente;
  5. Analisi delle dimensioni delle risorse da scaricare al caricamento di una pagina e di eventuali risorse che ritardino il rendering dei contenuti della pagina;
  6. Analisi delle prestazioni ottenute dal sito nelle condizioni di partenza;
  7. Analisi della struttura del sito, dell'internal linking, della struttura delle directory e degli elementi principali che contribuiscono alla SEO (robots.txt, sitemap, ecc..)

Una volta identificate tutte le criticità è possibile preparare un piano di implementazioni per ottimizzare le prestazioni del sito.

Da chi è composto un Team SEO

Per avviare un progetto SEO che sia degno di tale nome servono alcune figure fondamentali, tra cui:

  1. Il consulente SEO. Eh beh.
  2. Un webmaster che sia in grado di soddisfare i capricci del signore di cui sopra;
  3. Uno, meglio 2, copywriter che creino contenuti di qualità in continuazione e che sappiano seguire le linee guida dettate dal progetto.
  4. il signor SEMrush a pagamento, senza il quale è come navigare a vista. Lo metto nel team perchè praticamente costa quanto una persona.
  5. Un'imprenditore di un'azienda solida che sia disposto ad investire sul web.

Fare la SEO a Firenze

Firenze è la città dell'arte, ricca di storia e di tradizioni, è la città delle botteghe e dei palazzi, Firenze è la città degli intrighi e delle amicizie.
Firenze è sempre stata al centro dell'attenzione in Italia, sia in passato nel ruolo di capitale del Granducato di Toscana, sia in tempi più recenti come capitale del Regno d'Italia.
Se si dovesse descrivere Firenze in poche parole, sicuramente la definizione più corretta sarebbe "culla del rinascimento", periodo che ne ha fortemente caratterizzato la cultura e di cui ancora oggi se ne vedono i lasciti in ogni stradina del centro storico.
Firenze è sempre stata una città ricca, e questa ricchezza ha contribuito a farne la culla dell'arte che è.

Fare la SEO a Firenze è tanto importante quanto lo è farla a Borgo a Buggiano, tuttavia non può essere trascurato l'impatto che la cultura fiorentina ha sul tessuto imprenditoriale del capoluogo toscano.

Fare SEO a Firenze è non è più facile o più difficile che in altre parti d'italia, tuttavia avere delle solide conoscenze nel mondo imprenditoriale e degli attori coinvolti nella comunicazione di questa meravigliosa città può aiutare molto. Soprattutto quando si parla di conoscere qualcuno che ti può fornire backlink e traffico referral.
Inoltre, avendo avuto modo di studiare numerosi settori di aziende che operano sul territorio fiorentino, posso assicurare che fare la SEO a Firenze nella maggior parte dei casi presenta grossissime opportunità e a meno che non ci si scontri con delle realtà internazionali i margini di successo sono mediamente più alti che in altre grandi città italiane o ancora peggio con le realtà di lingua anglofona.
Se io avessi un'azienda a Firenze e il settore lo consentisse senza ombra di dubbio nel toolkit degli strumenti digitali terrei un nutrito progetto SEO, fondamentalmente per 2 motivi:

1) In italiano la SEO non è difficile quanto lo può essere in Inglese

2) la local SEO a Firenze non è ancora molto sviluppata.

Per come la vedo io non servono molte altre motivazioni per decidere di fare un progetto seo a Firenze.

Indipendentemente dalla volontà di avventurarsi nella seo, consiglio vivamente a chiunque abbia un'attività sul territorio fiorentino e conti sul traffico organico di contattare un bravo seo e farsi fare un preventivo per una consulenza seo a Firenze.

Fare la Seo a Firenze non è né più importante ne meno che farla altrove, è semplicemente importante farla. Il motivo di ciò risiede nel fatto che la maggior parte dei settori in Italia ancora non hanno delle aziende di riferimento che abbiano un progetto Seo ben strutturato.
Questo riguarda quindi qualsiasi città, inclusa Firenze. Tanto più se si parla di local SEO.
In realtà un’azienda che operi su Firenze ha un motivo in più per fare la SEO rispetto ad altre città, e ciò è dovuto alla composizione del tessuto imprenditoriale fiorentino. Il territorio di Firenze è caratterizzato da un panorama di piccole e medie aziende che competono fra di loro per accaparrarsi la propria fetta di mercato ed è veramente raro imbattersi in un leader di settore o una grande azienda egemone.

Orizzonti di sviluppo per la SEO a Firenze

Perché questo panorama imprenditoriale dovrebbe costituire un vantaggio nel fare la SEO a Firenze?
Banalmente perché tendenzialmente le piccole medie imprese non investono sulla SEO. Un conto è competere con una grande azienda, i cui budget pubblicitari sono potenzialmente inesauribili e un conto è competere fra pari. In questo senso lavorare sulla SEO a Firenze può essere particolarmente promettente. Ovviamente questo discorso va contestualizzato di settore in settore, ma a meno che non si parli di settori che non sono legati a confini territoriali, di settori con multinazionali capillarizzate e di alcuni settori competitivi per antonomasia (primi su tutti il food e il turismo), questa considerazione non è da trascurare.
Uno dei principi cardine della SEO è proprio la competitività, pertanto in un contesto in cui poche aziende investono per il proprio posizionamento organico, le potenzialitià del canale sono molto elevate. Posso citare numerosi esempi tra i miei stessi clienti sul territorio fiorentino che hanno avuto la lungimiranza e la fortuna di avviare un progetto SEO in un territorio in cui nessuno aveva ancora preso l’iniziativa, e i risultati parlano chiaro.
Nel momento in cui il settore, declinato per la località, non presenta figure di riferimento particolarmente autorevoli (almeno sul web) le potenzialità del mercato sono elevatissime e anche se localmente si può contare su un numero inferiore di ricerche rispetto al panorama nazionale, quelle poche ricerche di nicchia possono costituire una grande opportunità se opportunamente intercettate. In particolar modo per il B2B, se il settore non è saturo di concorrenti a livello nazionale, le opportunità si sprecano.
Inoltre, e questo riguarda moltissime aziende a livello italiano, lo stato di ottimizzazione dei siti web delle piccole medie imprese spesso è trascurato. Quando se ne analizzano i siti spesso si incontrato numerosissimi errori di base, se non addirittura alcuni siti non visibili da Mobile. Questo incide notevolmente sulle prestazioni del canale organico e per quanto possa sembrare una cavolata, avere un sito fatto bene e ottimizzato (per gli utenti in primis, e di conseguenza per il motore di ricerca) è il primo passo per impostare una buona strategia SEO.

Come si fa la Seo a Firenze

Per fare la Seo a livello locale è molto utile avere contatti con le maggiori web agency del territorio e le testate locali, in quanto facilita nel creare relazioni che poi si traducono i referenze da altri siti web.
Per fare un buon progetto SEO è fondamentale poter contare su appoggi esterni a loro volta referenziati e visto e considerato che Firenze è piccola e le testate locali e le web agency non sono tante, più contatti si hanno più si è facilitati in questo compito.
Più fonti autorevoli si riesce ad intercettare e coinvolgere più le probabilità che il progetto seo abbia successo siano alte. In questo senso, paradossalmente, i contatti personali incidono sulla propria reputazione online. Dico paradossalmente perché generalmente si avvia un’attività online per intercettare l’offline, quando invece questo aspetto mutuale non va sottovalutato (cosa che avviene di frequente).

Processo di selezione del professionista SEO a Firenze

Il processo di selezione del professionista più adatto a te è semplice e parte proprio da una ricerca organica:

  1. Cerca SEO Firenze su Google;
  2. Segnati i nomi dei primi risultati;
  3. Analogamente al punto 1, Cerca le varianti di "SEO Firenze" su Google e fra i professionisti che compaiono più volte (non nei risultati a pagamento) avrai una buona probabilità di intercettare un professionista competente.

Una volta scelta una lista di nomi, puoi contattarli per fissare un primo incontro conoscitivo e per capire se la SEO sia il progetto adatto a te. In questo articolo parlo più approfonditamente del processo di selezione di un consulente seo a Firenze.

Scegliere il “Miglior” SEO a Firenze

Parliamoci chiaro, non esiste il “miglior” SEO.
Quello che un professionista SEO ti può garantire è la sua professionalità e un metodo preciso di svolgimento del progetto. Non è possibile garantire risultati finché non si inizia e si sonda il terreno. Purtroppo questa pratica pubblicitaria, se così la vogliamo definire, nel corso degli anni ha subito pratiche di commercializzazione estreme dove si andava a promettere posizionamenti basati sul numero delle keyword indicizzate, che oltre che essere scorretto, è pure sbagliato.
Nel corso di questi anni Google sta progressivamente aggiornando i propri algoritmi per renderli più attendibili nel processo di scansione dei contenuti, in sostanza ciò che sta tentando di fare è di emulare la capacità cognitiva di un utente per individuare di cosa parla una pagina di un sito, a prescindere dalle varianti delle parole che contiene. Quindi, per quanto sia semplice basare la strategia sull’indicizzazione di keyword precise (e per carità, in alcuni casi è un ottimo punto di partenza), non è possibile improntare un progetto SEO esclusivamente sull’indicizzazione di poche keyword per pagina. È altresì doveroso lavorare per “domande” e “risposte”, quasi come se si stesse parlando di una sezione FAQ. Qual è la domanda dell’utente? Qual è il suo intento di ricerca? La prima cosa che il SEO deve saper fare è proprio questo, e in base a ciò progettare la sua strategia.
Basti pensare che ogni anno circa il 15% delle ricerche effettuate dagli utenti non erano MAI state cercate prima, di qui la necessità anche da parte di Google di elaborare un sistema di scansione di contenuti che risponda in funzione dell’intento di ricerca e non solamente per la corrispondenza di alcune parole fra la ricerca e la pagina in questione.

Quindi, tornando al contesto fiorentino, non necessariamente il miglior seo a firenze sarà l’agenzia più grossa o con più commerciali. Sicuramente avere uno storico di anni alle spalle è un grosso vantaggio, sia esperienziale che in termini di relazioni, però stiamo parlando di un settore in cui nulla è scolpito nella pietra e che richiede costante aggiornamento, quindi si possono trovare validi esperti anche al di fuori dei contesti delle grandi agenzie di comunicazione.
Che poi, se proprio vogliamo dirla tutta, la qualità del lavoro di SEO risiede in gran parte nella persona fisica che seguirà il progetto, pertanto non basta che l’agenzia sia referenziata per determinare qualità del lavoro se poi non si viene seguiti dalla persona che ha le competenze che danno la nomea all’agenzia. Ma questo è un altro argomento..

Perché se hai un’azienda a Firenze vuoi fare la SEO

Ricapitolando, le condizioni del territorio fiorentino sono favorevoli allo sviluppo di un progetto SEO e le riassumo di seguito:

  1. Il tessuto imprenditoriale è frammentato e ci sono poche grandi aziende leader di settore;
  2. Le piccole medie imprese che investono in SEO sono poche;
  3. La Local seo è poco sfruttata rispetto alle sue potenzialità;
  4. La maggior parte dei Siti web delle aziende italiane sono datati e non ottimizzati.

Quindi, a meno che tu non sia un commerciante in uno di quei settori “inaccessibili” per la SEO, sii lungimirante e avvia un progetto prima di qualche altro tuo competitor locale!
Per valutare in prima istanza se il tuo settore è papabile per la SEO, ti consiglio di fare una ricerca per i termini di ricerca attinenti la tua attività e valutare l’operato dei tuoi competitor.
Controlla i primi 10 risultati di ricerca e controlla queste cose:

  1. I primi risultati sono pertinenti con la tua ricerca?
    Se i contenuti non sono pertinenti è positivi perché vuol dire che ancora c’è spazio per intervenire con la SEO;
  2. I primi link sono tutti della stessa azienda o ce ne sono di più?
    Se sono tante aziende diverse sarà più difficile fare un progetto SEO che se invece è presente più volte la stessa;
  3. Tra i primi risultati ci sono dei PDF?
    I pdf possono essere indicizzati ma di solito un PDF si indicizza peggio rispetto a una pagina web con gli stessi contenuti.
  4. I siti dei tuoi competitor sono ottimizzati per il mobile? (prova a guardare da telefono)
    Se i siti non sono ottimizzati per mobile, pessima notizia per i competitor perché con l’ultimo update di Google, gli spider saranno pensati per dare maggiore autorevolezza ai siti ottimizzati Mobile.
  5. I contenuti sulle pagine sono esaustivi?
    Se i contenuti non sono esaustivi, ci sono buone probabilità che facendoli meglio si possa ottenere dei buoni risultati con la SEO
  6. Le pagine sono corredate di immagini?
    Le immagini non sono solamente un modo di corredare l’articolo, ma sfruttando gli alt tag si possono dare a google maggiori informazioni sui contenuti della pagina.

 

Se la risposta alla maggior parte di queste considerazioni indica che ci sono le potenzialità per un progetto SEO, ti consiglio di essere il primo a farne tesoro!

Vuoi prenotare una consulenza SEO a Firenze?

Se hai intenzione di intraprendere un progetto SEO a Firenze e hai i requisiti sopra elencati scrivimi e valutiamo se la SEO sia effettivamente il tipo di progetto migliore per te.

bucciantini@consulente-seo-firenze.it

privacy   |    Giacomo Bucciantini - Consulente Seo Firenze - p.iva 06908570481    |  cookies